Installazione di GNU-Linux Mint 17 Qiana LTS Cinnamon.

Lo sapevo! Ogni volta che installo una distribuzione GNU-Linux decido per una con supporto a lungo termine e mi dico: “Questa me la tengo cinque anni” poi, dopo due anni esce la nuova LTS (long term support) e… la installo in sostituzione della “vecchia”. Così ho installato sul mio portatile, il solito 🙂 Asus K55DR, la nuova release di Linux Mint: Qiana. A parte il fatto che su questo portatile, pur disabilitando nel BIOS sia il “Secure Boot” che il “Fast boot”, non sono mai riuscito ad avviare una distribuzione live di Linux in modalità UEFI, per il resto è filato tutto liscio. Per risolvere il problema appena indicato è stato sufficiente abilitare, sempre nel BIOS, la voce “Launch CSM”. Questa opzione, in poche parole, serve ad “emulare” il vecchio BIOS Legacy consentendo però anche l’avvio di un sistema con un hard disk partizionato in GPT.

In questa immagine di GParted si può vedere come ho partizionato l’hard disk per l’installazione di Mint Qiana come unico sistema operativo (click per ingrandire).

Gparted_01sda1: partizione di 230 MB non formattata riservata all’avvio del sistema.

sda2: partizione di 20 GB formattata in ext4 in cui è installato il sistema operativo con tutti i programmi.

sda3: partizione da 150 GB, sempre formattata in ext4 e da utilizzare come /home, in cui verranno salvate le impostazioni personali dei vari utenti riguardo il sistema operativo ed i programmi. In questa partizione inoltre, di default, vengono anche salvati i documenti personali dei vari utenti.

sda4: partizione di swap. Qualcuno dirà che 6 GB sono sprecati però almeno sono sicuro di non aver problemi con l’eventuale utilizzo dell’ibernazione. 😉

sda6: partizione da 20 GB formattata in fat32 da utilizzare come partizione condivisa con altri PC della rete domestica che utilizzano… “quell’altro sistema operativo”. 😀

sda5 e sda7 sono altre due partizioni in ext4 per archiviazione dati o per provare, in futuro, altre distribuzioni GNU-Linux.

Una volta installato il sistema, da un terminale ho dato un bel

sudo apt-get update && sudo apt-get upgrade && sudo apt-get dist-upgrade

per aggiornare il tutto, kernel compreso.

Fatto ciò e dopo un riavvio, sono andato su “Impostazioni di sistema” –> “Driver delle periferiche” per installare i driver proprietari AMD per le schede video del portatile. L’installazione dei driver video proprietari è l’unico sistema per far funzionare regolarmente la sospensione e l’ibernazione del portatile stesso.

Insomma, alla fine, il risultato è un PC come piace a me e, soprattutto… funzionante! 🙂 Allego tre schermate del sistema operativo con poche modifiche all’aspetto rispetto a quello che ci si trova di default:

Mint_Qiana_01

Mint_Qiana_02

Mint_Qiana_03

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Free software

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...